Giobbe Covatta ripopola il Teatro Comunale

Cassano allo Ionio, Venerdì 27 Gennaio 2017 - 11:01 di Pasquale Cersosimo

Giobbe Covatta dà il via alla stagione teatrale di Cassano con lo spettacolo “6 gradi”, ovvero un racconto dal futuro sul nostro presente, fatto da un immaginifico nipote del comico napoletano, che racconta ai presenti calati nel futuro le cose apprese da “Nonno Giobbe”.

Uno spettacolo esilarante e ricco di argomenti, nel quale il comico ha saputo ironizzare sulla tragedia del surriscaldamento del pianeta, troppo spesso e troppe volte sottovalutata ma origine dei malesseri che vive il mondo contemporaneo.

Così, immaginando un dialogo del futuro, Covatta ha dato una spiegazione alle migrazioni, all’avanzare di virus e batteri, all’obsolescenza tecnologica ed al problema dei rifiuti, alle guerre. E naturalmente, al decadimento culturale (l'ignoranza), che oggi vive la nostra società.

Lo spettacolo, che ha avuto anche degli intervalli musicali, ha previsto la partecipazione anche del chitarrista Ugo Gangheri che ha accompagnato Giobbe Covatta in un paio di aree che hanno impreziosito la sua performance.

Lo spettacolo di Covatta ha fatto registrare il tutto esaurito: un risultato che non è sfuggito al Sindaco Gianni Papasso, che ha battezzato la stagione teatrale, dedicandola alla memoria di Carmine Concistrè, docente e regista teatrale recentemente venuto a mancare.

Il Sindaco Papasso e l’Assessore alla Stagione Teatrale, Alessandra Oriolo, insieme ad Andrea Solano, prima dello spettacolo hanno salutato il pubblico, complimentandosi con quanti hanno deciso quest’anno di tornare al teatro ed augurando alla Città unità e coesione e crescita culturale.

Soddisfatto il direttore artistico, Andrea Solano, che prima di augurare “buon teatro a tutti” ha tenuto a ringraziare i presenti per la loro partecipazione.

C’è da evidenziare una novità quest’anno: l’ingresso del Teatro Comunale è diventato anche luogo di aggregazione, con l’esposizione di alcuni prodotti tipici realizzata dagli sponsor della stagione teatrale.

Insomma: c’è l’impressione che quel vecchio teatro sul corso sia tornato ad essere il cuore pulsante della collettività.  

 

(ph Mimmo Petrone, Caterina La Banca)

Galleria fotografica

2 Foto allegate



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 00951000793 Mediagraf
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code